“Buoni e Belli – Sapori e Valori del Lazio” si terrà il 13 novembre 2020 e consisterà in una maratona online di attività online finalizzate alla divulgazione delle eccellenze della regione Lazio.

L’appuntamento, organizzato con la partecipazione di Slow Food Roma, vede la collaborazione della Regione Lazio.

L’evento è incentrato sulla valorizzazione dei punti di forza, degli attrattori turistici della regione Lazio. Produzioni agroalimentari, tipicità della tradizione enogastronomica, paesaggio, arte, cultura, spiritualità, nella visione di «Buoni e Belli» rappresentano l’offerta integrata di un territorio.

Il filo conduttore è il gusto nonché l’amore per il cibo buono, pulito, giusto, equo e sostenibile.

Il gusto è un driver che accompagna il pubblico in questo cammino di riscoperta della tradizione che affonda le radici in un territorio ricco di storia e cultura.

© Slow Food Italia
© Slow Food Italia

l fil rouge che conduce il pubblico alla scoperta delle eccellenze del territorio è quello del gusto, magistrale veicolo di interscambio culturale. Paesaggio e natura, tipicità dell’enogastronomia, percorsi esperienziali, un nuovo modo di proporre e fare turismo, sono presentati da “Buoni e Belli” come punti di forza della Regione a che intende valorizzare anche i suoi territori considerati marginali ricchi di storia, cultura e tradizioni e non soltanto quelli tradizionalmente interessati dal turismo di massa. Nel corso di questa giornata dedicata alla valorizzazione e alla scoperta del cibo e del vino di qualità dei presidi Slow Food del Lazio e di altre aziende e realtà d’eccellenza il pubblico ha occasione di conoscere anche i prodotti e le loro storie.

© Slow Food Italia

Si tratta di una giornata ricca di momenti dedicati alla consapevolezza del mangiare e bere bene, vivere e produrre in modo sostenibile, stare bene in salute e avere una buona qualità della vita

La durata complessiva dell’evento, inclusa la presentazione, è di 8 ore circa.

Gli utenti possono intervenire sulla chat dell’evento e lasciare i propri commenti o postare le proprie domande agli esperti. L’evento rappresenta un momento ideale per favorire la diffusione della conoscenza ma anche un modo per riaccendere i motori degli acquisti di qualità riposizionando le filiere agroalimentari laziali su indicatori quali bontà e qualità. Dal punto di vista concettuale e contenutistico si intende dare massimo spazio alle produzioni sostenibili e al biologico e al concetto di biodiversità in senso assoluto.

 

Inoltre vi sono momenti di approfondimento culturale in cui è possibile puntare l’attenzione sull’educazione alimentare. La valorizzazione del patrimonio enogastronomico laziale avviene attraverso un programma di seminari e brevi e affascinanti narrazioni fatti all’interno delle aziende.

Nel programma di “Buoni e Belli” sono presenti talk e interviste per introdurre i cittadini a queste tematiche. Oltre ai momenti legati al «racconto del gusto», sono previsti incontri e dibattiti online per portare in scena una testimonianza della generosità dal punto di vista produttivo del Lazio. Collegandosi gli utenti possono ascoltare le storie dei produttori e delle aziende, conoscere le tecniche di lavorazione e le caratteristiche organolettiche dei prodotti, visitare online le aziende e i vedere i territori entro cui operano. Inoltre possono seguire in diretta durante la presentazione dell’evento i pareri di insigni esponenti dei settori enogastronomia, agroalimentare, turismo sostenibile e salute.

© Slow Food Italia

I commenti sono chiusi.