La rassegna “Buoni e Belli” che vede la partecipazione di Slow Food dà voce ai produttori in un’ottica di valorizzazione della qualità delle produzioni laziali dell’agroalimentare (food & wine). In modalità visualstorytelling vengono raccontate le storie dei produttori e le peculiarità delle loro produzioni. 

“Buoni e Belli” è una rassegna di attività divulgative sulle buone pratiche legate al cibo di qualità, un ponte virtuale fra produttori, esperti dei diversi campi affrontati, esponenti della comunità medico-scientifica e cittadini, operatori del settore ristorazione e stampa specializzata.

L’evento con le sue attività divulgative online rappresenta un momento ideale per favorire la diffusione della conoscenza ma anche un modo per riaccendere i motori degli acquisti di qualità riposizionando le filiere agroalimentari laziali su indicatori quali bontà e qualità.

© Slow Food Italia
© Slow Food Italia

Dentro il contenitore di “Buoni e Belli” trovano spazio i temi legati alle produzioni sostenibili, al biologico e al concetto di biodiversità in senso assoluto.

L’evento vede la partecipazione di Slow Food Roma.

Slow Food è una grande associazione internazionale no profit impegnata a ridare il giusto valore al cibo, nel rispetto di chi produce, in armonia con ambiente ed ecosistemi, grazie ai saperi di cui sono custodi territori e tradizioni locali. Ogni giorno Slow Food lavora in 150 Paesi per promuovere un’alimentazione buona, pulita e giusta per tutti.

Oggi Slow Food conta su una fitta rete di soci, amici e sostenitori in tutto il mondo grazie e con i quali:

.

© Slow Food Italia

Difende il cibo vero

Un cibo che cessa di essere merce e fonte di profitto, per rispettare chi produce, l’ambiente e il palato!

Promuove il diritto al piacere per tutti

Con eventi che favoriscono l’incontro, il dialogo, la gioia di stare insieme. Perché dare il giusto valore al cibo, vuol dire anche dare la giusta importanza al piacere, imparando a godere della diversità delle ricette e dei sapori, a riconoscere la varietà dei luoghi di produzione e degli artefici, a rispettare i ritmi delle stagioni e del convivio

Si prepara al futuro

Che ha bisogno di terreni fertili, specie vegetali e animali, meno sprechi e più biodiversità, meno cemento e più bellezza. Conoscere il cibo che si porta in casa, può aiutare il pianeta. Ecco perché Slow Food coinvolge scuole e famiglie in attività ludico didattiche, tra cui gli orti nelle scuole e i 10 orti in Africa

I commenti sono chiusi.